Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Facebook  

"Vado a laurearmi", studente si spara un colpo di pistola alla testa

Ultimo Aggiornamento: 22/01/2018 15.03
Autore
Stampa | Notifica email    
ONLINE
Post: 22.159
Sesso: Maschile
Admin
28/04/2017 20.48


Si è ucciso con un colpo di pistola alla testa a Chieti. È morto nella sua camera da letto M.S., 27 anni, figlio di un avvocato. Il ragazzo aveva detto ai familiari che ieri avrebbe dovuto discutere la tesi di laurea in Giurisprudenza, a Roma. La famiglia era pronta a partire e aveva prenotato il ristorante per festeggiare quel traguardo tanto atteso.

Sulla scrivania della sua camera c’era già la corona d’alloro. Ma, all’alba, si è consumata una tragedia che ha distrutto un’intera famiglia. Gli accertamenti della polizia hanno escluso che in giornata, nell’ateneo frequentato dal ragazzo, fossero in programma sedute di laurea.

Il gesto, dunque, potrebbe essere riconducibile al percorso di studi. Sono solo ipotesi. A scoprire la tragedia è stato il papà. È entrato nella stanza del figlio e ha trovato il ragazzo sul letto, in una pozza di sangue. Erano le sei. Il padre ha chiesto aiuto, disperato, ma non c’era stato niente da fare.

Gianluca Lettieri

leggo.it

Ultimo topic correlato di una lunga e tristissima lista:

unimarconi.freeforumzone.com/d/11363390/Rovigo-si-getta-sotto-il-treno-a-22-anni-Oggi-mi-laureo-ma-non-era-vero/discussi...
OFFLINE
Post: 1.646
Città: CHIARI
Età: 26
Sesso: Maschile
Admin
29/04/2017 11.34

Ennesima brutta vicenda, purtroppo l'università mette una pressione addosso bella grossa e se si è in ritardo con il percorso di studi si sente sempre di più l'ansia.
ONLINE
Post: 22.159
Sesso: Maschile
Admin
13/05/2017 15.42

Il ragazzo era studente di giurisprudenza presso la statale di Teramo, suo padre è un noto avvocato penalista del Foro di Chieti.
La cosa triste, oltre alla sua morte, è che aveva già la strada spianata: probabilmente avrebbe esercitato come praticante presso lo studio del padre, dove era già impiegata sua sorella.



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
OFFLINE
Post: 3.087
Città: MILANO
Età: 40
Sesso: Maschile
17/07/2017 15.20

Conosco un ragazzo di Teramo (insomma quei posti) che si è laureato in giurisprudenza studiando solo alcune sere a settimana e facendo la bella vita in discoteche e locali "VIP".
In questi casi si nota la differenza di carattere, di mentalità e di tipo di intelligenza (parlo di tipo di intelligenza, non di sola intelligenza) fra le persone.
Detto questo per me giurisprudenza dovrebbe essere pesante praticamente dappertutto, sarebbe interessante sapere che università di Roma stava facendo il ragazzo.
OFFLINE
Post: 2.827
Città: VERONA
Età: 37
Sesso: Maschile
20/07/2017 00.19

Scusate ma non si è capito bene: studiava a Teramo o a Roma?
ONLINE
Post: 22.159
Sesso: Maschile
Admin
05/01/2018 16.29

Alcune testate hanno scritto una, altre l'altra.
Comunque, a meno di un caso di omonimia, dovrebbe essere lui:

www.bighunter.it/Home/BigHunterGiovani/MarianoRenatoSupino/tabid/1186/Defa...



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
OFFLINE
Post: 3.087
Città: MILANO
Età: 40
Sesso: Maschile
05/01/2018 18.56

Per polemizzare si potrebbe dire qualcosa sulla caccia ma leggendo l'articolo vedo che il ragazzo aveva tanti interessi (sci, tennis, golf, auto e moto), perchè ammazzarsi così? Non ha senso.
I genitori soffrono più per la morte di un figlio che per la mancata laurea, perchè questi ragazzi non lo capiscono?
Comunque studiava alla LUMSA.

it.linkedin.com/in/mariano-supino-ba057b64

A due passi dalla Marconi.
ONLINE
Post: 22.159
Sesso: Maschile
Admin
05/01/2018 19.22

Quando qualche studente "romano" muore c'è sempre il dubbio su quale fosse il suo ateneo visto che solo per giurisprudenza a Roma ci sono circa dieci università, senza considerare quelle pontificie.
Mi viene in mente il caso di Mauro Ferrarese...

unimarconi.freeforumzone.com/d/10018634/25enne-muore-ucciso-da-un-treno-doveva-laurearsi-oggi/discussi...

Ad oggi non è ancora certo quale fosse il suo ateneo, l'unico sito che l'ha pubblicato è andato down.
Morti molto tristi, assolutamente evitabili, che si portano appresso tanti misteri e un sacco di interrogativi.



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
OFFLINE
Post: 2.827
Città: VERONA
Età: 37
Sesso: Maschile
07/01/2018 14.34

Più che altro che sarà mai una balla sulla laurea.
Confessa, incassa lo scontento e ricomincia da capo o cerca di fare quello che ti piace.
Il ragazzo stava in una famiglia benestante col padre avvocato affermato e la madre impiegata comunale, poteva ripartire da zero senza problemi.
OFFLINE
Post: 3.087
Città: MILANO
Età: 40
Sesso: Maschile
08/01/2018 03.42

Sono d'accordo: sempre confidarsi e non scegliere la strada del suicidio che non sarà mai sensata.
Secondo me c'è stato l'errore di pensare di potersi gestire fra Chieti e Roma: noi marconiani sappiamo quanto è difficile avere l'università lontano dalla propria residenza. Le private telematiche serie colmano il vuoto ma si fa più fatica.
Questo ragazzo se abitava a Chieti probabilmente ha cominciato ad andare a Roma fingendo di dare esami, una volta presa l'abitudine non è più riuscito a tornare indietro.
E anche qui vediamo come i ragazzi non sfruttano le loro università: anche la LUMSA ha un servizio di conseling psicologico nato proprio per evitare casi come questo.

www.lumsa.it/vivilumsa_counseling

Ma lui non l'ha usato.
OFFLINE
Post: 1.646
Città: CHIARI
Età: 26
Sesso: Maschile
Admin
08/01/2018 11.32

Sul fatto di confessare è la cosa migliore, ci vuole molto coraggio alla fine, ma di sicuro è meglio che suicidarsi.
Come per l'università, così per altri aspetti "poco puliti" della vita.
OFFLINE
Post: 309
Città: TRENTO
Età: 28
Sesso: Femminile
21/01/2018 12.16

Re:
UniMarconcino, 1/8/2018 3:42 AM:

Questo ragazzo se abitava a Chieti probabilmente ha cominciato ad andare a Roma fingendo di dare esami, una volta presa l'abitudine non è più riuscito a tornare indietro.



Di solito gli studenti che decidono di farla finita hanno una famiglia che fa mille pressioni o che ha aspettative grandiose.
Padre e sorella avvocati in un uno studio legale di Chieti fra i più importanti, detto tutto. Ovviamente non intendo colpevolizzarli con questo.
OFFLINE
Post: 2.827
Città: VERONA
Età: 37
Sesso: Maschile
21/01/2018 16.51

Re: Re:
S@yaka, 21/01/2018 12.16:

Di solito gli studenti che decidono di farla finita hanno una famiglia che fa mille pressioni o che ha aspettative grandiose.



Sì però è anche vero che queste "aspettative grandiose" spesso se le creano gli stessi studenti, non solo le famiglie.
A mio avviso tutta la generazione nata all'inizio degli anni 90 è molto fragile perchè non è abituata ad affrontare i problemi, l'ho detto e lo ripeto anche in questo topic.
Questo ragazzo da una parte si faceva le foto col fucile in mano (simbolo di virilità e sicurezza) e con lo sguardo fierissimo, dall'altra non riusciva a gestire le sue emozioni.
In quel sito di cacciatori si legge "ci dice di avere fidanzata non cacciatrice che però rispetta la sua passione e soprattutto ne apprezza i frutti a tavola", non so se notate il ragionamento "faccio parte di un'elite e porto in tavola il cibo quindi sono un vero uomo".
Poi al primo problema pallottola in testa.
OFFLINE
Post: 3.087
Città: MILANO
Età: 40
Sesso: Maschile
22/01/2018 15.03

Io non sarei così duro con la memoria del ragazzo.
E' vero che abbiamo perso il conto dei suicidi di giovani della sua generazione ma non possiamo sapere cosa c'è nella testa di una persona e la sua storia.
Ciò che è sicuro è che come ho detto non è semplice gestirsi quando hai un'università lontana. O è seria e organizzata come la Marconi (a volte se qualcuno rimane fermo per qualche mese telefonano a casa per conoscere il motivo del blocco) o non riesci a starci dietro.
Chieti-Roma non dev'essere stato facile.
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi
Cerca nel forum

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 18.16. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com